Tutti gli articoli di lavocedeivitorchianesi

Riceviamo e pubblichiano una nota del movimento 5 stelle di Vitorchiano.

Siete tutti invitati all”aperifirma e connettiti” un evento mangereccio organizzato dal gruppo Vitorchiano a 5 Stelle per promuovere la petizione per l’ampliamento dell’adsl a Vitorchiano.
Dalle ore 19.00 in poi si potrà gustare un ottimo aperitivo confrontandoci sulle problematiche del paese e le possibili soluzioni.
L’aperitivo sarà offerto dal gruppo (ovviamente qualsiasi donazione sarà ben accetta visto che noi NON riceviamo finanziamenti pubblici e tutto quello che facciamo lo paghiamo di tasca nostra).

1487431_822281474499112_7527327618599486550_n

Ricette mediche: Niente più fila. Ecco le novità.

image

Ma se mi faccio scrivere la ricetta dal farmacista, davanti alla fila che aspetta, non sapranno tutti i miei problemi? Non mi guarderanno tutti con compassione? Il dubbio era legittimo, e con esso anche il timore di invadere la privacy delle persone permettendo anche a farmacisti e centri medici di avere un ruolo nel rilascio delle ricette. Ma ora il garante della privacy ha dato via libera: il pericolo non sussiste.
Da oggi in poi, dunque, le ricette mediche possono essere trovate direttamente in farmacia. Non sarà il farmacista a scriverle al posto del medico ma il medico potrà lasciarle a lui, in attesa che il paziente vada a ritirare il farmaco direttamente in farmacia. Lo stesso vale per i centri medici e gli ambulatori, dove di solito si deve far la fila per ricevere la ricetta direttamente nelle nostre mani. Ma ora potremo trovarla anche sul tavolo della segretaria, senza alcun problema di attesa. Ma questo non è un rischio? Le ricette non saranno alla portata di qualsiasi mano estranea? E nei casi di confusione?
No, assicura il garante, perchè la ricetta va lasciata in busta chiusa, senza indirizzi o altri dati simili ma solo con il nome del paziente scritto sopra. Lasciare la ricetta in farmacia sarà ancor più comodo, perchè in tal modo il paziente eviterà la fila dal medico per poi affrontare un’altra fila in farmacia. Si potrà recare direttamente dal farmacista che gli darà il medicinale su richiesta della ricetta che gli avrà consegnato il medico. Non ci saranno nemmeno i temuti “controlli ispettivi” nei vari studi per verificare il rispetto della privacy, perchè le norme da tenere in considerazione sono facili, semplici e non danneggiano nè chi rilascia la ricetta nè chi la riceve.